& # x201C; La violenza contro le donne sta diventando di moda & # x201D

“la violencia contra las mujeres se está poniendo de moda” Cortesa Meteo

giornalista Forceful Jineth Bedoya mostrato, rapita, violentata e torturata dai paramilitari nel 2000, sulla situazione di impotenza e vulnerabilità che migliaia di vittime donne colombiane dalla violenza sessuale in Colombia.


** da Julia Alegre
I 42 chili di peso e sottile, esile non rendono giustizia alla forza che gli spettacoli quando si parla di. Non sfugge a nessuna domanda, nemmeno a quelle che risalgono al 25 maggio 2000, quando a soli 26 anni fu rapito da tre paramilitari alle porte del carcere di La Modelo a Bogotá e, successivamente, violentato e torturato dai suoi rapitori , quando riferiva per il giornale El Espectador. "Quando una donna viene attaccata in questo modo, l'umiliazione è la più dolorosa. Ci sono cose che ti si conficcano nella testa e che ti martellano ogni giorno. Hanno fatto cose terribili per me come donna, di cui non ho mai parlato, nemmeno nell'Ufficio del Procuratore, perché fanno parte di quella modestia di donne: cosa hanno fatto nel mio corpo, nel mio seno, nelle mie braccia... ". Jineth Bedoya si riferisce a quella data come il giorno in cui è morto . Un punto a parte sulla sua strada che gli ha portato anni per far fronte. Il giornalismo è diventato il suo rifugio: "(...) sul mio scudo, le mie scuse, la mia motivazione e il mio più grande ossigeno. Ho capito che era l'unica cosa che mi avrebbe guarito perché era quello che mi dava la possibilità di scrivere sulla mia storia attraverso altre storie ". In questo modo ha raccolto testimonianze di donne che erano state anche vittime di violenza sessuale: "Aggiungendo altro dolore al mio dolore". Ci sono voluti dieci anni perché l'attuale giornalista di El Tiempo decidesse di raccontare la sua storia. "Sono stato punito molto. Mi sono chiesto perché ho continuato a indagare anche se mi hanno detto che mi avrebbero ucciso, che stavo toccando persone molto potenti. Era il 2010 quando, di mia iniziativa, ho iniziato a trasformare quel giorno e dire che non sarebbe stato un giorno da piangere. Dimostra che sono ancora vivo e che non sono riuscito a zittirmi. " Grazie alla loro lotta, il 25 maggio è stato recentemente decretato come la Giornata nazionale per la dignità delle vittime della violenza sessuale . Bedoya è consapevole che il suo caso non è l'unico, che fa parte di quella lista infinita di donne che vengono violentate ogni anno in Colombia. "La violenza contro le donne è diventata parte del paesaggio e fino ad ora siamo in quella fase di risveglio, di azioni per rieducare lo Stato stesso in modo che sia incaricato di riorganizzare la nostra società. Non possiamo permettere che un anno abbia 18.000 donne violentate nel paese ". Leggi anche: "La maggior parte delle donne giustifica la violenza del proprio partner" per quanto riguarda la recitazione del governo per affrontare l'epidemia di aggressioni sessuali che devastano il paese, Bedoya è schietto. "La violenza contro le donne sta diventando di moda, quindi ora tutti vogliono raggiungere l'obiettivo perché è questo l'aiuto internazionale . Ora siamo interessati. Credo nell'attuale volontà del presidente di riconoscere le donne vittime di questo flagello, ma il problema è che questa situazione è straripante. Lo Stato ha fallito con le donne del tuo paese ". Durante l'intervista, non ha fatto menzione della sua presenza all'Avana giorni dopo per partecipare al tavolo delle trattative come parte della quarta delegazione delle vittime. Ma la sua prudenza non gli impedì di rispondere duramente alle domande che anticipavano il suo confronto con i rappresentanti della guerriglia a Cuba. "Mi capita a tutti i Farc perché si capisce il soggetto della loro ideologia. Da molti di loro ho pensato di conoscerli: "Che spreco di tipo; che ragazzo intelligente e come ha un fucile in mano '. Ma se ci sono due persone che non meritano di essere al tavolo, o in libertà sono "Romaña" e "El Paisa". Questi due uomini hanno commesso una serie di crimini contro l'umanità, e uno di loro ha messo un prezzo sulla mia testa. "
Powered by Blogger.