La rivoluzione del 1992

la revolución de 1992 La rivoluzione del 1992

Il libro Champagne Supernova, dello scrittore Maureen Callahan, illustra come il decennio degli anni '90 sia stato un momento cruciale nella storia della moda. Tre personaggi: Marc Jacobs, Kate Moss e Alexander McQueen rivelano una radiografia di quel decennio.


Anodyne. È così che il decennio degli anni '90 è stato etichettato in termini stilistici. Pochi il merito è riconosciuto, niente che va al di là del grunge guardare traballante Kurt Cobain e Eddie Vedder, una devozione ridicolo capelli lisci iper, diffusa da Gwyneth Paltrow, e un rifiuto militante tutto il glam successo nel 80
Tuttavia, dal momento che 90 sono più di dieci anni fa e che i loro fenomeni di moda può essere visto da lontano, un nuovo modo di capire cosa è successo in quegli anni sembra emergere con forza. il previsto Valerie Steele, rinomato della moda teorica. "La moda è diventata un fenomeno significativo negli anni '90 grazie ad un aumento della consapevolezza popolare su di esso, e ai continui scambi tra arte e moda, che hanno dimostrato che potrebbe veramente penetrare la cultura".
Precisamente, l'importanza insospettata del decennio dei boscaioli, jeans strappati e Converse, sembra essere quello che ha incoraggiato il giornalista Maureen Callahan, nominato per il premio Pulitzer 2009 e che è accreditato con una biografia di successo di Lady Gaga, a scrivere il libro di Champagne Supernova, che si dipana come specificamente nel 1992 oggi siamo in diretta sono state create le basi per la moda. "Negli anni '90 è avvenuta una rivoluzione e nessuno l'ha notato. È stato il momento in cui l'alternativa, sia nella moda che nella bellezza, è diventata legittima e popolare e, soprattutto, è diventata un grande business ", afferma Callahan nell'introduzione, che ha anche osa condannare: "Quello che era il rock and roll per gli anni '50, la droga per gli anni '60, i film per gli anni '70 e l'arte moderna per gli anni '80, era la moda degli anni '90". "Ogni nozione di bellezza e moda, e il modo in cui questo è stato creato e consumato, è cambiato radicalmente nel 1992", anticipa, da parte sua, nelle sue prime pagine il libro che ruba il nome di una canzone di successo della band Oasis, emblematica del tempo. Questo è stato l'anno in cui la strana faccia di Kate Moss è stata firmata per essere l'immagine di Calvin Klein, anche se molti fotografi l'avevano condannata che non aveva un futuro nella modellazione. è anche l'anno in cui Lee McQueen, in seguito ribattezzata Alexander, ha presentato la sua collezione al Saint Martin School, da conquistare, non conoscendo il cuore di Isabella Blow, che sarebbe stato il suo mentore, la sua musa e la sua predecessore delle tragedie.
E 'stato, infine, l'anno in cui il giovane designer newyorkese Marc Jacobs, che ha lavorato per Perry Ellis, ha ricevuto una strana telefonata che avrebbe cambiato la sua vita: Sonic Youth, il famoso band, volevo usare alcuni dei loro disegni. Era giunto il momento di fare della polvere tutto il modello morale e l'eccesso degli anni '80 e dare un nuovo look alla cultura popolare. Come se fosse un romanzo pieno di personaggi reali, l'autore scopre gli spessi strati di vita di queste tre figure, mentre le loro biografie servono a fare una radiografia affidabile del decennio. Vediamo in primo piano Kate Moss, una ragazza normale che nel 1988 è stata scoperta da un fotografo in un aeroporto. "Kate era confusa. Pensava di essere carina, ma non che potesse essere una modella. Come la maggior parte delle ragazze della sua età, rispetto alle top model di quei giorni, come Cindy, Christy, Linda e Naomi, e sentiva che questo era un mondo irraggiungibile " descrive il libro, che è piena di testimonianze parenti, amici e vicini ai personaggi che aiutano a costruire versioni di questi, persone reali molto umani.
non solo Kate era sconcertato, erano anche i suoi genitori, che mai videro la figlia di una bellezza speciale. Tuttavia, Corinne Day sapeva che lei aveva scoperto una donna che avrebbe rivoluzionato tutti i modi che erano noti fino ad ora riguardo alla bellezza. Lungi dall'assomigliare a quelle bambole con corpi esuberanti e enormi stature, Kate aveva un viso a forma di uovo, occhi da bambola cinesi, uno con una certa deviazione, zigomi enormi e enormi e denti che mostravano poca attenzione. Torniamo così, attraverso le pagine ben scritte di questo libro, lanciato in tutto il mondo il 2 settembre, a quell'epoca in cui le modelle erano superstar e nelle quali, come insolentemente condannato da Linda Evangelista, "no ci alziamo per meno di $ 10.000 al giorno. " "La prima cosa che Corinne ha visto in Kate è che si è distanziata radicalmente da quello stile. Sapevo che non c'era modo di conquistare nessuna rivista importante, ma c'erano progetti culturali indipendenti e giovani che erano più interessati allo street style che al settore dell'alta moda: Face and ID sarebbe senza dubbio molto preoccupata per la loro piccola rivoluzione " .
Andiamo avanti nel libro e lasciamo Kate Moss per un momento, e entriamo nella tristezza dell'infanzia di Lee McQueen, un bambino indifeso il cui padre lo ha sdegnato piccolo per la sua notevole tendenza gay. L'autore è abile nel riassumere l'inferno interiore di quello che sarebbe il genio della moda inglese nel profondo odio che provava per i suoi denti. Nuotare, che era l'unico sport praticato, soprattutto a causa della sua solitudine, avrebbe fatto sì che McQueen odiasse il suo aspetto per sempre. "Nuotando, McQueen si è rotto i denti, cosa che non solo gli ha causato dolori intensi nella sua adolescenza, ma lo ha reso molto complesso riguardo al suo aspetto. Quando aveva i soldi ed era riconosciuto come uno dei migliori che riuscì, ma confessò ai suoi amici che il cambiamento non lo aveva aiutato a sentirsi meglio con se stesso ", dice il libro poche pagine prima. Saranno anche i denti fondamentali in questo senso che McQueen avrà con la socialite e non meno tormentata Isabella Blow. Ho condiviso quel complesso con lei. Isabella Blow odiato la bocca più di qualsiasi altra parte del tuo volto, così si nascose dietro veli e grandi cappelli: "Una forma più economica e meno doloroso di chirurgia estetica," diceva con grazia e qualche rimpianto la donna che avrebbe aperto la più improbabile il giovane timido che avrebbe sofferto strade frustrazione enorme, perché una volta McQueen è stato nominato direttore creativo di Givenchy dimenticato di lei quando era in fallimento. I dettagli convulsi ci danno una tregua per lasciare il posto alla vita di Marc Jacobs, che in nessun modo sembra più facile di quella degli altri due. Le sue faticose giornate festive in Studio 54 e le vie stava conquistando le prime pratiche nelle case dei designer svelare una dimensione che è romanzo crudamente in questi giorni nel Creatore americana riceve molta attenzione.
che, forse, è il più grande merito di questo libro, rivelare la fragilità della vita di coloro che riconosciamo oggi come idoli, e la cui perfetta e di successo la vita ci fanno pensa che non ci sia sofferenza dietro a questi. Niente di più dalla realtà.
Powered by Blogger.