Gli uomini piangono

los hombres sí lloran Foto: Paloma Villamil

Apprezzo ogni lacrima perché non era una spesa ma un investimento. Adolfo Zableh demistifica l'idea che gli uomini non piangano.



di Adolfo Zableh.



L'anno scorso piangendo tutto ciò che non avevo pianto prima. La cosa è iniziata un martedì pomeriggio, dopo aver passato ore a pensare alle donne che hanno attraversato la mia vita e quello che ognuno di loro ha significato, da mia madre al mio attuale compagno. Quando lo trovi le risposte, che ora sono irrilevanti, mi sono interrotto; come se fosse un bambino e non si ferma. fino a quando mi sono svuotato. Erano quasi le sei del pomeriggio e il sole se ne stava andando mentre cadevano alcune gocce di pioggia. Chiamalo come vuoi, lo troverò. Poetico.



E il fenomeno continua. Non piango più con la violenza di prima, al contrario, controllo il pianto invece di controllarmi. Ma ogni tanto, molte volte senza sapere perché, mi libero delle mie lacrime. In strada, sentendo una canzone n, la lettura, anche passando attraverso un bicchiere d'acqua. Non lo so c & oacute; come funziona, il punto è che da luglio a & Toddler passato e oggi mi hanno sorpreso l & aacute; lacrime in luoghi m & aacute; s svantaggi. L'altro giorno, il pianto mi ha afferrato; fare la fila per salire su un aereo e la hostess mi ha chiesto; si, andava bene



E dovrebbe avere chiedi perché? il manuale lo ordina, ma anche perché ci hanno insegnato che gli uomini non piangono , e che così facendo è senza debolezza o tristezza. Ma non ero triste o debole. Al contrario, ero pieno di illusione e forza perché stavo per passare una stagione con mia madre, mia sorella e mia nipote. Stavo piangendo, non so, cosa avrebbe potuto essere e cosa no, a causa di quello che era successo prima, per quello che mi faceva male. e oggi è solo un aneddoto. Apprezzo ogni cosa che è stata versata perché non era una spesa ma un investimento. Ho pianto tutti i miei morti, ma principalmente, i miei vivi, perché a questo punto della mia vita ho imparato che vale la pena vale la pena piangere di più per quelli che sono lì che per quelli che se ne sono andati.



Ma piangere, anche se è per la gioia, si consuma, e allo stesso tempo è liberatorio perché dopo la pace arriva la pace e le risposte. Gli esperti dicono che piangere elimina le emozioni negative, rilascia tossine e riduce lo stress. E anche se lo è pieno di benefici, gli uomini del mio tempo ci hanno insegnato BAMBINO Aron non fare per non approfittare di noi, e che gridano a lui dec maestri fiume era una sigaretta. Così sono il cuore chiuso n. Evitare di parlare, piangere e, in generale, mostrano che ci sentiamo Per questo motivo abbiamo fatto sesso e violenza nella nostra forma di espressione & oacute; .. N



Prima di piangere con poco, pochino & iacute; simas quasi senza nessuno Se qualcosa con Billy Elliot. I miei occhi si illuminano nella scena in cui il protagonista saluta sua nonna perché sa che non lo restituirà. vedere Quando l'ho vista, si è ricordata che una volta l'ho abbracciata. a mia nonna una notte di gennaio, come non l'avevo mai abbracciata, e due giorni dopo è morta, come se quell'abbraccio l'avesse uccisa. E poi ha pianto nella scena finale, quando Billy è già un grande ballerino e suo padre lo vedrà in una presentazione a Londra. Ho anche identificato perché ho sempre voluto che mio padre fosse fiero di me. e lui è morto senza poterla chiedere. Ma furono le tre lacrime che lei lasciò andare, che non stava piangendo. Piangere è lasciar andare, affondare la tua faccia nel cuscino e non lasciarla andare finché non cambi la copertina.



Una statistica dice che gli uomini piangono una volta al mese, mentre le donne piangono cinque volte, Questo mi ha fatto sentire come se fossi uno di più. Sento il mio cuore spezzarsi, il che mi porta a porre due domande: Come gestisci così tanto le donne? Come puoi vivere con quello e, anche così, essere più forte di quello che siamo?

Powered by Blogger.