La nuova mascolinità

la nueva masculinidad Dall'uomo scimmia al perfetto Adamo di Miguel ngel. L'artista era visionario, perché oggi l'uomo assomiglia al suo dipinto Foto: AFP

Al & # x201C; maschile & # x201D; oggi ti è permesso di radere tutto il tuo corpo, prendersi cura del tuo aspetto fisico fino all'estremo e, in alcuni paesi, persino truccarti.


In cent'anni di solitudine Pietro Crespi perde l'amore di Rebeca quando la giovane donna si lascia sedurre da José Arcadio Buendía, un muscoloso e profumato "uomo virile". L'istruttore di danza italiana, ricci perfetti e pantaloni stretti, ha suscitato dubbi sulla loro sessualità secondo criteri estetici, allora, e la sua ragazza sembrava un "currutaco di debole di fronte a quella protomale il cui respiro vulcanico è stato percepito in tutta la casa." Forse, se la storia si ripete in questo momento, avrebbe avuto un altro esito: Rebeca oggi si sentono solo disgusto per l'aspetto soggetto cavernicolo e tante disgrazie sarebbero stati evitati Y. è senza dubbio l'ideale di mascolinità è cambiato . Il blu principesco delle ragazze non è per errore il tipico "uomo con i capelli sul petto", ma piuttosto un adonis con una faccia glabra, anche infantile, stile Justin Bieber. Ma forse la questione va al di là di un problema generazionale e ha piuttosto molto commerciale. Marchi come Gillette e Philips offrono una linea di rasatura del corpo maschile, una tortura di schiavitù che un tempo era esclusiva per le donne. "Monkey Man non c'è più", è il motto alla base di questa scommessa pubblicitaria, che in parte fa appello alla tendenza attuale, a ciò che vende, anche se la sua intenzione è quella di creare bisogni per conquistare un nuovo mercato, quello dei cosmetici maschili. La moda è il palcoscenico in cui l'androgino ha ricevuto più permessi per rompere le norme di genere . Andrej Pejic, un giovane bosniaco di 21 anni, era famoso per modellare disegni per uomini e donne sulle passerelle, indistintamente. Ciò le ha fatto guadagnare una valutazione dalla rivista FHM come una delle donne più sexy del mondo. E ora causa Casey Legler, la prima donna a firmare un contratto con Ford Models nella divisione maschile. A 35 anni, il francese, che era un nuotatore olimpico, misurava 1,88 e sogna di essere il primo James Bond femminile, è stato presentato in prima pagina con la domanda: "È lei l'uomo perfetto?", Per il suo mix di caratteristiche aspetto delicato e virile. Analizzando l'influenza di Legler, la giornalista Eva Wiseman ha scritto sul quotidiano The Observer che "i designer più interessanti sono quelli che giocano con i generi, quelli che influenzano la nostra idea di ciò che rende un uomo". Per l'antropologa Andrea García Becerra, professore alla Pontificia Universidad Javeriana, il genere può essere inteso come pratica performativa. "È trasformato, non è eterno. La filosofa femminista Judith Butler afferma che ciò che consideriamo un'essenza interna del genere è una costruzione sociale, storica e contingente ". In questo modo le idee del femminile e del maschile stanno cambiando. "Così come era impensabile per mia nonna radersi i peli del viso, e uno lo fa, oggi gli uomini si mettono le creme. Queste estetiche, che sembrano belle e naturali, sono apprese. È possibile pensare che in duecento anni sia sciocco parlare di
in termini di categorie binarie ". Evoluzione culturale Nel 1994 il Lo scrittore britannico Mark Simpson ha usato per la prima volta il termine "metrosexual" nelle pagine del quotidiano The Independent per definire quell'uomo vanitoso che "non ha paura di qualcosa che potrebbe farlo sembrare un po 'femminile". Tutto ciò che conta è avere un bell'aspetto. " Con questo concetto ha definito l'idea della mascolinità moderna, quella degli uomini per i quali è importante avere un buon corpo, una pelle sana e abbronzata, un maggiore senso di esplorazione di ciò che è attraente al momento della vestizione. Non vergognarti di andare in una spa per farsi una manicure, un massaggio o radere le sopracciglia con la cera, o per essere consapevole della qualità delle tue calze e della tua biancheria intima. Hanno imparato ciò che le donne hanno sempre riconosciuto: nel mondo degli affari, la presentazione è importante. "Da molto tempo sanno che un buon taglio di capelli e scarpe adatte non solo cambiano il loro modo di sentire, ma anche il il modo in cui gli altri li guardano ", ha detto l'autore Michael Flocker, in un articolo intitolato" Una nuova razza di uomini ridefinisce la mascolinità ". E vogliono ottenere lo stesso effetto . Così ora non mancano le donne che si lamentano del fatto che i loro partner sono in ritardo più di quanto si stiano preparando o acquistando vestiti di marca e che applichino e finiscano i loro prodotti di bellezza, perché l'offerta tende ad essere unisex. / br> Le aziende di cosmetici hanno sostenuto la causa perché "vedono negli uomini una sorta di mercato vergine, mentre hanno già offerto alle donne tutto", afferma l'esperto di moda José Ignacio, il Mono, Casas. "Anche quando c'è un'evoluzione naturale, dobbiamo tenere conto delle opportunità economiche che i grandi marchi del settore della bellezza vedono nella nicchia maschile, quindi creano un grande bisogno perché gli uomini sono belli". La psicologa Geraldine Scioville aggiunge che questa offerta sfrutta la crescente necessità di "essere desiderabile". Tuttavia, come ogni tendenza, il metrosexual ha avuto la sua risposta nel 2003, a causa del timore di perdere i tratti tipici della mascolinità . È così che è emerso il "retrosessuale", con il suo stile disordinato e maleducato che riafferma il suo testosterone. Il maschio che preferisce sapere come usare un trapano e riparare eventuali danni, prima di essere consapevole del suo aspetto. E forse come proposta intermedia, anni dopo, la consulente di marketing Marian Salzman ha dato vita al termine "ubersexual" nel suo libro The Future of Man. L'autore lo ha descritto come unendo il meglio dell'uomo tradizionale con le sue caratteristiche di forza, immediatezza e onore, con tratti associati alla femminilità, come la cura della casa e l'educazione dei figli, la comunicazione e l'espressione di sentimenti. Nonostante le critiche all'uomo della "metropolitana", una recente indagine su duemila donne del marchio di abbigliamento britannico Austin Reed ha rivelato che per loro l'uomo perfetto Gli piace vestirsi ed è ben rasato, compreso il petto. Questo, oltre a misurare più di 1,80 e avere un'Audi. Che cosa viene dopo?, "Che cosa puoi continuare a curare e indossare le maschere? Il trucco sembra essere la risposta ", afferma Casas, osservando un nuovo mercato che sembra espandersi. Sebbene avverta che non può essere generalizzato, esiste già una nuova corrente in Corea del Sud, quella dei cosiddetti "ragazzi dei fiori". Hanno tra i 20 ei 30 anni, spendono soldi in cosmetici e interventi di chirurgia estetica, specialmente in rinoplastica e trapianto di capelli, e hanno un aspetto androgino e delicato. Sono nella serie televisiva, dove hanno sostituito l'uomo esuberante, e persino in pubblicità per trucchi come eyeliner e lucidalabbra. Salzman sostiene che la maggiore tolleranza verso gli omosessuali ha ha reso la sua estetica ben accolta, anche in programmi come Queer Eye for the Straight Guy, il cui scopo era che gli specialisti gay cambiassero lo stile di un eterosessuale. Il chirurgo Sergio Rada ha assistito al fenomeno: "Prima nella mia clinica avevamo una sala VIP dove abbiamo 'nascosto' questi pazienti, che preferivano mantenere rigide riserve sui trattamenti che venivano eseguiti. Diversi anni fa lo spazio è scomparso, dal momento che non si preoccupano di aspettare con le donne ". Per l'esperto, li motivano perché si sono stancati di avere "un panciotto mal vestito al loro fianco". Il suo collega Simon Harker concorda sul fatto che "c'è un numero crescente di procedure eseguite sugli uomini, sebbene non sia vicino alla percentuale femminile. La proporzione è solitamente del trenta percento per loro e settanta per loro, sì, con una tendenza ad un lento ma sicuro aumento percentuale di anno in anno. " La guerra dei sessi Sii metrosexual o ragazzo dei fiori, il tema della bellezza virile non è nuovo. Si potrebbe pensare che in questa fase si ripeta il fervore per la cura degli egiziani, della Cina antica e della corte di Luigi XIV, con i loro uomini adornati. Infatti, l'accademica Germaine Greer esprime nel suo libro The Beautiful Boy che il corpo dell'uomo ha suscitato più interesse di quello delle donne fino al XIX secolo. Gli analisti sostengono che le guerre mondiali hanno segnato punti di rottura con uomini in divisa che nel mezzo dell'austerità non avevano modo di pensare alla loro pittura e di salvare le loro vite allo stesso tempo. Poi sono arrivate le lotte delle donne per smettere di essere qualificato come "sesso debole", per conquistare spazi precedentemente esclusivi del "sesso forte" . Come spiega lo psicologo Pilar Aguirre, "la mobilitazione delle donne ha messo in discussione la divisione sessuale dei valori. Ecco perché oggi c'è un maggiore inserimento di elementi tradizionalmente femminili nelle manifestazioni maschili ". In questo modo, nelle parole di Mark Simpson, "se le donne per il loro progresso possono appropriarsi di pratiche" maschili ", si domandano perché non possono fare lo stesso".
Ciò significa anche che l'uomo e non solo giocando per competere con gli altri uomini, ma anche donne in diversi campi, come il lavoro, e in questo senso il quadro è importante. La pressione per l'aspetto fisico, quindi, cessò di essere solo per le donne. L'autostima maschile è anche bombardata da pubblicità e film di "uomini perfetti" con standard di bellezza quasi irraggiungibili. Nel suo articolo "Perché gli uomini non possono essere semplicemente uomini?", Spiega Tim Stanley prima che potesse identificarsi con le stelle del cinema e per questo usa la saga di James Bond come esempio: dice che gli uomini si sono sentiti più vicini a Sean Connery oa Roger Moore, che è venuto a interpretare 007 per il suo 58 anni "nonostante il suo petto flaccido". Lo stesso non succede con Daniel Craig, la cui figura sembra essere il prodotto di effetti speciali. L'atto di truccarsi e piangere sembrava un potere unico del donne . Forse in questa storia evolutiva, ciò che attende l'uomo, come ha suggerito Gabriel García Márquez in El amor en las tiempos del cholera, con il dott. Urbino, è finire a urinare stando seduto.
Powered by Blogger.