Il selfie che dimostra che il bullismo virtuale non conosce i limiti

Uno sfortunato selfie è diventato un talk mondiale e il suo protagonista in un meme esplosivo. Quanto lontano possiamo andare nelle nostre molestie virtuali?



Un selfie in cui ha finto di mostrare il suo aspetto della notte è diventato. in una fonte di scherno per Alyssa. La ragazza originaria di New Orleans, ha deciso Condividi il tuo vestito paillettes e l'unica cosa che hai ricevuto. Sono stati presi in giro a causa dell'ovvio disordine della sua stanza.



Alyssa public & oacute; la tua foto con il seguente messaggio di "Io vado a cena perché aveva bisogno di una scusa per utilizzare questo."



I commenti sono fatte attendere e molti wreaked prendere in giro su Twitter. Dato che questa persona che ha fatto un primo piano e scrisse & oacute; "e dopo & eacute; s cena Mangiare & aacute; piano marshmallow per dessert" di Alusi & oacute; nd borsa del prodotto che può essere aperto vista e innaffiato.





Questo non è finita & oacute; tutto RIVER, gli altri sono stati inviati alle celebrità per diffondere la beffa come l'utente che ha fatto un parallelo con un fiume tappo. titolo della serie Friends




e monta non pod & iacute; n mancante:



& iQuest; risposta Alyssa?



Prima del trambusto che ha causato? la tua foto, s u prima reazione & oacute; n stava scusando dicendo che la sua casa è stata ammodernando & oacute; n. Sembrava imbarazzato e un po 'a disagio.



In seguito sembrava come il gioco e la fretta contro i tuoi prepotenti: " Continua a retwittare il mio appartamento disordinato, voglio essere famoso quando finisco la mia pratica ." Tuttavia, vediamo volti e cuori che non conosciamo. Nessuno può sapere fino a che punto queste prese in giro possano davvero influenzarlo.



& iquest; A cosa? stiamo andando con questo esempio?



Un caso come questo indipendentemente dalla reazione del malato, ci fa pensare fino a che punto. puntare i social network e l'esposizione in essi ci rende vulnerabili al bullismo indiscriminato o ai potenziali bulli.



& iquest; Quante volte abbiamo condiviso il contenuto con un intento malevolo? & iquest; Quante volte abbiamo fatto degli screenshot per trasformarli in un oggetto di ridicolo con i nostri amici?



Ma quello che ci farà riflettere ancora di più è pensare a quanto tempo prima di pubblicare una foto o qualche tipo di contenuto nelle nostre reti abbiamo pensato se sarebbe stato ben accolto e accettato dalla nostra comunità virtuale.



A volte riteniamo di dover misurare fino a questo poiché riteniamo di avere il potere di giudicare gli altri come nulla viene detto in faccia, né possiamo davvero vedere la reazione degli altri ai nostri commenti.



Vogliamo creare consapevolezza prima di questo bullismo virtuale, così come che se hanno una storia da raccontare, un'esperienza o qualcosa su cui vogliono condividerla, non esitare e includila qui con noi. o attraverso la nostra casella di posta sulla nostra pagina fan di Fucsia. I primi passi iniziano con il coraggio di parlare.



Attendiamo i tuoi commenti!




Powered by Blogger.