La pillola del giorno dopo

el abecé de la pastilla del día después Ingimage

Le credenze sono state intrecciate attorno a questo metodo di pianificazione delle emergenze. Abbiamo parlato con un ginecologo che ha risposto alle domande più comuni. Prendi nota


La pillola del giorno dopo "è stata stabilita per situazioni di emergenza create da rapporti non protetti, il fallimento o l'uso improprio di altri contraccettivi (come l'omissione di una pillola anticoncezionale o la rottura di un preservativo) e per i casi di stupro o rapporti sessuali forzati ", dice l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

In tal senso, questo metodo non deve essere sempre utilizzato, ma solo nei casi in cui, per esempio, un preservativo non è riuscita o dimenticato di prendere la pillola anticoncezionale, secondo Sergio Parra, un ginecologo presso la Fondazione Università di Scienze salute (FUCS).





Come funziona il corpo della donna?



Ogni pillola dose contiene, come Parra, "preparazione a base di ormoni di un progesterone sintetico, chiamato levonorgestrel", che ha quattro effetti: "decreasing motilità degli spermatozoi, blocco sviluppo follicolare, creare ostilità nell'endometrio e distruggere il corpo luteo (la ghiandola che secerne il progesterone e che si sviluppa nell'endometrio dopo l'ovulazione). " In altre parole, non è considerato un metodo "microabortivo", poiché la sua azione è esercitata prima che lo sperma feconda l'ovulo.


Qual è la dose raccomandata?

È possibile prenderlo in un colpo o in due, con un intervallo di dodici ore tra ciascuno, in un tempo massimo di 48 ore dopo il rapporto sessuale non protetto. Tuttavia, l'OMS afferma che è possibile farlo entro cinque giorni (120 ore). L'efficacia varia dal 94% al 98%.



Che cosa succede se la prendi troppo spesso?



Anche se questo non è un fattore che diminuisce l'efficacia della pillola, come si pensa spesso, causa un "disturbo ormonale" dopo ogni iniezione. Al fine di evitarlo, il ginecologo Sergio Parra raccomanda di optare per metodi ormonali temporanei come pillole anticoncezionali, iniezione, cerotto, tra gli altri, o ricorrere a metodi di barriera non ormonali, come i preservativi. È importante che vengano scelti con il consiglio di uno specialista.



Ha effetti collaterali?



Sì. Questo dipende da ciascun organismo. I più conosciuti e diffusi sono mal di testa, nausea, irregolarità mestruale nel ciclo successivo e sanguinamento.



Nei casi in cui il paziente vomiti entro due ore dopo l'assunzione, la dose deve essere ripetuta, senza timore di overdose.

Powered by Blogger.