Cartagena sarà senza champeta o shock?

¿se quedará cartagena sin champeta ni "choque"? Foto: Youtube

Il Consiglio di Cartagena per discutere un provvedimento per vietare danze sessuali tra i bambini di età, come contenuti musicali come la radio normale. Una misura salutare o esagerata? Le parti parlano.


Danza mischia e ascoltare la musica che parla di "quanto è buono passeremo a letto", o che "Questa sera ho visto" potrebbe essere attività che non possono fare più Cartagena. Almeno così potrebbe essere dopo l'ultima crociata intrapresa dal Consigliere Antonio Salim Guerra, dal partito Radical Change, che ha proposto qualche settimana fa un progetto di accordo in Consiglio comunale per regolare il contenuto musicale emesso dalle stazioni di Cartagena e proibire le danze erotiche (come lo "shock") tra minori nei quartieri e nelle istituzioni educative del distretto. "Non è una misura contro qualsiasi genere, ma contro il contenuto delle canzoni. I testi influenzano il comportamento umano e, se incoraggiano l'idea che le donne siano oggetti sessuali o sostengano la violenza e il crimine, i bambini riproducono questo comportamento ", ha detto il consigliere di Fucsia. co . Le due misure (per regolare le danze erotiche e le trasmissioni dei canali radio in modo che non trasmettano canzoni di scuse violente) sorgono come risultato della viralizzazione di alcuni video in cui potresti vedere molti minorenni che ballano la champeta in modo molto suggestivo e sessuale. "I minori stanno risvegliando un istinto sessuale prematuro attraverso queste espressioni artistiche , che si traduce in una proliferazione di gravidanze in tenera età". Leggi le gravidanze premature degli articoli: "Ogni 14 minuti un bambino subisce abusi sessuali in Colombia" Mentre l'iniziativa di censura delle danze erotiche avrebbe "potere di legge a livello locale " - in caso di approvazione-, come spiegato da Salim Guerra, la regolamentazione dei contenuti degli emittenti non sarebbe obbligatoria nella sua conformità. "È una proposta che cerca un impegno da parte delle parti, vale a dire cantautori, produttori musicali e gestori delle stazioni di impegnarsi a per regolare il suo contenuto, e non per emettere canzoni con contenuti sessuali violenti, o per denigrare le donne ". La regolarizzazione riguarderà solo i brani scritti in spagnolo . Nel caso in cui non si raggiunga un accordo con le persone coinvolte, il politico del Partito Radical Change si rivolgerà ad altre istanze. "Raccoglieremo le firme per portare avanti la misura con altre procedure". L'iniziativa di Salim Guerra ha messo sul sentiero di guerra famosi musicisti della champeta, che hanno mostrato la loro insoddisfazione per quello che chiamano " una stigmatizzazione del genere ". Tra questi, Mr. Black, che ha scritto nel suo account Instagram: "Tanti problemi che Cartagena ha oggi come crimine, fame, mancanza di alloggi, mancanza di college e università pubbliche, strade scoperte e molta corruzione, ma come" noi siamo il i bambini delle mamme si concentrano di più sulla sparizione della champeta. Foto: Instagram Mr Black Per Emilio Sánchez, conduttore radiofonico e commentatore musicale della stazione radio FM, censurare il contenuto delle canzoni è solo una misura palliativa e scarsamente efficace. " Non finisce con il problema di fondo, la violenza, la musica è un riflesso dell'ambiente in cui sorge e l'artista un veicolo per riflettere sul contesto. Se il contenuto deve cambiare, ci sarà cercare la fine della violenza ", ha spiegato a Fuchsia. co . Secondo te, questa misura provocherà una maggiore richiesta da parte degli ascoltatori di consumare i brani che sono destinati a essere posti il ​​veto dalle stazioni. "Quando si censura qualcosa, si aumenta il suo valore e l'interesse del pubblico." Per il presentatore, la logica è quella di permettere al pubblico di "consumare liberamente, lasciarli pensare da soli, per mettere in discussione e riflettere sul tipo di contenuto che sentono ". Bambini che ballano champeta. Foto: Youtube

Catalina Villanueva Betancourt, psicologa clinica e infantile, afferma che è prioritario impostare la protezione dei bambini con misure come quella promossa a Cartagena. "Alcuni generi musicali legittimano la violenza, oggettivizzano le donne, inviano messaggi errati sulle relazioni sessuali e promuovono discorsi in cui la violenza sessuale dilaga, atteggiamenti che i bambini riprodurranno in seguito". Lo psicologo ha detto Fucsia. co che, sebbene siamo esseri sessuali, ci sono tappe per lo sviluppo sessuale che devono essere rispettate. "Per quanto faccia parte del folclore locale, queste espressioni artistiche rendono i bambini più vulnerabili, soprattutto nella prima infanzia, perché li svela ad altre persone che usano a loro favore la normalizzazione dell'erotismo e della la sessualità che stanno imparando attraverso la musica ". Leggi l'articolo "Le 8 lezioni di vita che dovresti insegnare ai tuoi figli"
Powered by Blogger.