Beyonc è il mio pastore, non manca nulla

La cantante americana ha pubblicato il suo ultimo album Lemonade, in cui la sua voce diventa la voce di tutti coloro che si sono mai innamorati.



Quando siamo prima di qualcosa che è veramente bello, ciò che accade è molto simile alla magia (o all'amore): il cuore pulsa forte, le gambe tremano, la passione prende il sopravvento sul corpo . C'è una delizia sensoriale e intellettuale piena di sensazioni estetiche di piacere. Poi c'è una profonda delusione derivante dal riconoscimento di una grandezza superiore alla nostra e la conseguente evidenza dei nostri limiti (in questo caso: odio Beyonc e. Vorrei essere come lei). Ma, quasi nello stesso tempo, viviamo in un desiderio irrimediabile di elevazione, un'aspirazione a pareggiare, a raggiungere l'alto.



Tutto quanto sopra ha un nome. Questa serie di sintomi o esperienze è la sensazione del sublime, ed è quel sentimento che prevale quando è contemplato (perché vedere in questo caso non è il verbo corretto. Contemplate parla di un godimento che include tutti i sensi, parlando solo del piacere solitario degli occhi) Lemonade, l'ultimo album visivo di Beyonc & eacute; è stato rilasciato il 23 aprile su HBO.



In questo, la cantante americana compie un viaggio sentimentale attraverso due assi fondamentali: il suo matrimonio in crisi e l'empowerment della donna nera, attraverso l'esplorazione di undici stati emotivo (Intuizione, negazione, rabbia, apatia, vuoto, responsabilità, riforma, perdono, resurrezione, speranza e redenzione).



Beyonc & eacute; - Massimo pontificale di cuori infranti - si spoglia nuda senza paura di commenti o polemiche. Parla senza rimpianti delle infedeltà di suo marito (il famoso rapper Jay-Z, con cui è sposata dal 2008), esplora una trama di sentimenti femminili tutti familiari a coloro che si sono innamorati e non amati: il desiderio profondo, le illusioni infrante, la perdita della festa; in amore



Ma non è solo questo, l'album visivo, per non parlare del film, è un esperimento creativo che prende elementi narrativi dal cinema e dalla produzione di video musicali e li unisce attraverso una linea argomentativa basata sulle poesie dello scrittore della Contea di Varsavia di origine somala.



Il risultato è commovente, onesto. Un prodotto che non è solo un esercizio musicale ma un'esplorazione artistico-olistica che ipnotizza e lascia lo spettatore immerso in quel desiderio di elevazione, in quella sensazione di sublime.



Quindi cinque frasi di Lemonade che gli farebbero desiderare di rimanere e vivere in quell'album.



1. Non lo so quando l'amore è diventato in qualcosa di così difficile da capire. Quello che so: nessuno che conosco ce l'ha.



2. Non lo so può rendere un essere umano una casa, qualcuno dovrebbe dirti che se quella persona vuole andare, lascia perdere.



3. Dieci volte su nove, si. Stai mentendo, ma nove volte su dieci, sì. con cosa hai a che fare?



4. Mi ricordi mio padre, un mago... capace di esistere in due posti contemporaneamente.



5. Quindi, cosa? Hai intenzione di dire al mio funerale ora che mi hai ucciso? qui RIVER si trova il corpo dell'amore della mia vita, il cui cuore è spezzato. senza una pistola alla testa. (...) Riposa in pace, mio ​​vero amore, che ho dato per scontato.

Powered by Blogger.